Recensione “In luce fredda”

di Micol Mian & Sabrina Romiti -edito da Triskell Edizioni

Data pub.: 29/02/2020

TITOLO: In luce fredda

AUTORE: Micol Mian & Sabrina Romiti

CASA EDITRICE: Triskell Edizioni

GENERE: Contemporaneo MM

SERIE: Rosa dei venti Vol.1

PAG: 300

DATA PUBBLICAZIONE: 29 febbraio 2020

LINK ACQUISTO

recensione di Skye

Recensione in anteprima In luce fredda

I protagonisti di questo primo capitolo della serie “Rosa dei venti” sono Carlos e Vivian detto Viv.

Il primo è un ragazzo di origini messicane che si trasferisce lontano da casa per studiare legge, in cerca di riscatto da un passato di stenti, e alla ricerca di un futuro prestigioso fatto di un lavoro importante e una bella moglie accanto.

Viv è un ragazzino appena diciottenne, disincantato e cinico, cresciuto velocemente per colpa di una situazione familiare disastrosa. Proprio per “colpa” di questo background vive il sesso e l’intimità come forma di punizione, non accetta che possa esistere qualcosa che lo possa far stare bene, farlo sentire amato e amare a sua volta.

Sin dal primo incontro l’attrazione, il desiderio,la negazione e la rabbia sono una grande componente delle loro interazioni, questo destabilizza Carlos che si trova a fare i conti con i dubbi sulla propria sessualità.

Ogni volta che posava gli occhi su Viv, l’effetto era lo stesso. Rallentamento delle funzioni cerebrali, batticuore improvviso, istinto di fuga e incapacità di distogliere lo sguardo.

Ma anche Viv si trova a combattere contro qualcosa che nasce da un disagio interiore, da segreti che lo avvelenano, che lo spingono a cercare il pretesto per distruggere ciò che lo fa sentire bene e amato convinto di non esserne degno.

Forse era davvero una brutta persona, come temeva a volte. Forse lo portava nel sangue, e per quanto si sforzasse di negarlo certe impronte prima o poi emergevano, confuse, sbiadite, come un inchiostro trasparente visto nella luce giusta. Come un disegno segreto che affiora. E tradisce.

Entrambi dovranno, attraverso scelte e situazioni difficili e complesse, imparare ad esprimere e convivere con se stessi, ad amarsi in modo non distruttivo.

Sono rimasta piacevolmente colpita da questo libro, l’ho trovato ben scritto anche se in alcuni tratti la scrittura si fa un po’ elaborata, rendendo un po’ più lento il ritmo della narrazione.
D’altro canto sia la caratterizzazione dei personaggi principali che secondari è davvero superba.

Le autrici riescono a farti immergere in maniera davvero perfetta nella mente e nel cuore dei due protagonisti, facendoti empatizzare con i dubbi di Carlos ma ancor di più con quelli di Viv.

Questa è una storia con un angst forte che permea tutto il libro e che aleggerà, molto probabilmente, in tutta la serie.
Sono convinta che ci serviranno molti fazzolettini per sia per questo che per i seguenti libri, ma posso assicurare che merita davvero molto.

Sinceramente sono molto curiosa di vedere chi sarà il prossimo protagonista, nel frattempo non posso che consigliare questo primo libro.

4 stelline e mezzo per me

La copia ARC è stata gentilmente offerta della CE

Trama in luce fredda

Quando si trasferisce in Massachusetts per studiare Legge, Carlos ha le idee piuttosto chiare sul proprio futuro: sogna un posto in uno studio legale prestigioso, una moglie elegante, una vita che riscatti la sua infanzia povera trascorsa in Arizona. Non prevede certo di innamorarsi di un ragazzino maschio che gli farà mettere in discussione ogni aspetto della sua vita, né che questo ragazzino conviva con segreti dolorosi che renderanno i dubbi sul proprio orientamento sessuale l’ultimo dei loro problemi.

Per Viv il sesso non è qualcosa di intimo, ma una dimensione anonima che cerca più per punirsi che per farsi del bene. Non ha mai neanche pensato alla possibilità di innamorarsi di qualcuno, o che qualcuno possa innamorarsi di lui, finché l’incontro con Carlos non cambia le carte in tavola costringendolo a scelte molto più spaventose di quelle che si è concesso fino a quel momento. Nella vita non esiste nulla di completamente innocuo, però, e anche i desideri più veri nascondono trappole e insidie: l’amore può ferire più a fondo dell’odio, se credi di non meritarlo, ed è fin troppo facile trasformare quel dolore in arma e puntarla contro chi meno lo meriterebbe. Sullo sfondo di un processo che porta alla luce ricordi difficili e costringe tutti a una scelta di campo, Viv e Carlos dovranno imparare il modo giusto per aprirsi l’uno all’altro, ed entrambi al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.